Mona Lisa on Thames

Mona Lisa on Thames è un corto-manzo, nato nel corso degli anni come raccolta di corti, racconti brevi di al massimo 3 mila battute. Un divertissement letterario, per alleggerire l’atmosfera di questo sito così tremendamente serioso…chi mi conosce sa bene che l’eccessiva serietà non si addice a una nobil-gatta come Nisba, meglio un tocco di sana follia qua e là per vivere la vita con brio.

Attualmente il corto-manzo ha un inizio e uno sviluppo ben delineato, mentre la fine è ancora allo stato di nebulosa, dispersa nei reami sottili della coscienza e degli umori di Nisba, che quando riesce a mettere le zampe sulla tastiera si diletta ad aggiungere qualche nuovo capitolo. Come finirà? Solo la storia potrà dirlo…per il momento vi aspetto numerosi, come anche i vostri commenti!

[fruitful_tabs type=”accordion” width=”100%” fit=”false”]
[fruitful_tab title=”1.Squame di serpente”] Una squama di serpente dispersa nell’infinito. Un infinito splendente di luci, di mondi, di suoni senza voce che nessun essere umano riuscirà mai a decifrare, di pensieri e di parole affidati al vuoto cosmico, di vita e di morte che si passano la mano in un continuo gioco delle parti in cui non ci sono vincitori né vinti, ma solo partecipanti. Continua a leggere[/fruitful_tab][fruitful_tab title=”2. Mona Lisa on Thames”]Ramesse guardava la folla e sorrideva. Nulla sfuggiva all’occhio di pietra del faraone abituato a scrutare senza fretta il passare del tempo. Più l’osservava e più Cate si convinceva che mezzo millennio e passa di critica dell’arte non era riuscito a far luce su quella svista madornale. Continua a leggere[/fruitful_tab]
[fruitful_tab title=”3. Il mago”]Volevo essere un grande mago, proprio come Silvan che nel cappello pescava sempre la carta giusta. Da bambino passavo ore davanti alla tv per scoprire come facesse. Facevo esperienza coi compagni di scuola durante l’intervallo. “10 lire se indovino la carta che hai estratto dal mazzo”. Vincevo sempre io. Continua a leggere[/fruitful_tab]
[/fruitful_tabs]

[fruitful_tabs type=”accordion” width=”100%” fit=”false”]
[fruitful_tab title=”4. Memento mortis”]Se lo ricordava bene quell’ultimo giorno, la sua adorata nonnina ormai 90enne che stava tirando gli ultimi momenti: era in rianimazione ormai da due settimane, dopo una vita invidiabile di buona salute e grande energia. Sembrava solo un raffreddore, tanto che dalla casa di riposo ci avevano messo alcuni giorni a capire che invece era l’inizio del disfacimento che l’aveva spedita in ospedale senza più coscienza. Continua a leggere[/fruitful_tab]
[fruitful_tab title=”Title 2″] Tab 2 content place [/fruitful_tab]
[fruitful_tab title=”Title 3″] Tab 3 content place [/fruitful_tab]
[/fruitful_tabs]

 

© Giuliana Miglierini – RIPRODUZIONE RISERVATA

Per pubblicare un commento, devi accedere